Archivio mensile:Aprile 2014

tombino fuori dalla pista di atletica: il danno lo paga il Comune

Un amante  dell’atletica, nonostante la disponibilità della pista dello Stadio Comunale, decide di correre ed allenarsi all’esterno delle corsie numerate. Purtroppo, però, a causa di un tombino nascosto, lo sportivo inciampa e cade a terra, procurandosi diverse lesioni. L’uomo, assolutamente convinto della responsabilità del Comune (proprietario dell’impianto), decide di agire in giudizio per ottenere il risarcimento di tutti i danni patiti. Tuttavia, sia il Tribunale sia la Corte d’Appello reputano pretestuosa la domanda, ritenendo che l’atleta poteva evitare di allenarsi all’esterno della pista, in quanto pienamente consapevole dello stato dei luoghi. Tale visione, però, è fatta a pezzi dai giudici della Suprema Corte di Cassazione (Cass., ord. n. 4659/2014, Sesta Sezione Civile), per i quali «il luogo dell’incidente, pur esterno alle corsie numerate, era normalmente utilizzato per correre, in assenza di segnaletica che ne impedisse l’uso e di disposizioni orali da parte dei custodi». Ciò conduce a ritenere che lo spazio, utilizzato dalla donna per fare jogging, fosse «predisposto per la corsa», come dimostrato dall’assenza di «divieti» ad hoc e dalla constatazione che esso «era ricoperto dello stesso materiale» – tartan – utilizzato «per le corsie adibite all’allenamento».

La possibilità di vivere più a lungo è un bene risarcibile

Solo qualche giorno fa, il 27 marzo 2014, è stata depositata  un’importante sentenza in tema di risarcimento da responsabilità medica, pronunciata dai Giudici della sezione III della Suprema Corte di Cassazione:

“..In tema di responsabilità medica, dà luogo a danno risarcibile l’errata esecuzione di un intervento chirurgico praticabile per rallentare l’esito certamente infausto di una malattia, che abbia comportato la perdita per il paziente della chance di vivere per un periodo di tempo più lungo rispetto a quello poi effettivamente vissuto. In tale eventualità, le possibilità di sopravvivenza, misurate in astratto secondo criteri percentuali, rilevano ai fini della liquidazione equitativa del danno, che dovrà altresì tenere conto dello scarto temporale tra la durata della sopravvivenza effettiva e quella della sopravvivenza possibile in caso di intervento chirurgico corretto”.